Archive for the ‘Film e Musica’ Category

Chi ha paura del buio?

maggio 17, 2008

Oggi sono in vena Iron, per cui rimetto a lucido un delle più belle canzoni mai create, perchè certi pezzi non dovrebbero mai venire dimenticati in quanto parte di una storia (musicale e non) che è dentor ognuno di noi, perchè non saremmo così se determinati eventi non avessero sconvolto il mondo prima di noi…

I’m a man who walks alone when i’m walking in a dark road or night strolling in the park…

 

NAT! Smettila di fare sesso sfrenato e aggiorna ‘sto cazzo di blog!!!

aprile 23, 2008

Chiedo Venia per avervi trascurato un po’ (forse un po’ troppo) ma come potete notare ho avuto altre occupazioni primarie in questo periodo. Comunque visto che siamo tornati cercheremo di rimanere sufficientemente costanti (speriamo). Ora per iniziare alla grande una canzone dedicata a tutti i nerd…

“Vado ad un livello successivo dove dare vita a ciò che scrivo sono paranoico ed ossessivo fino all’abiura di me”

We Believe

aprile 6, 2008

Se credi che le cose si possano cambiare, se credi davvero che ogni tua azione abbia un senso, che abbia la forza di spazzare via pregiudizi e falsità, se credi con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutto te stesso, se la speranza non ti abbandona mai, se nonostante tutto guardi in alto e vedi il cielo azzuro, se per te tutto va bene anche quando non è proprio così, se hai la certezza che l’uomo è capace di grandi cose…

Per questo e molto altro ancora, questa è per te:

Acido?

aprile 3, 2008

Per festeggiare quota 2k nel counter rispolvero una chicca che molti forse avranno dimenticato…

Buona visione e buon salto nel passato…

God knows you’re lonely souls

marzo 30, 2008

Dedicata a tutti quelli che sono soli, per scelta, per necessità, per sfiga, perchè è la vita, per come sono, perchè è meglio soli che male accompagnati, per lavoro, per odio, per saggezza, per malinconia, per paura, perchè sono solo semplicemente anime solitarie… 

But I’m gonna die in a place that don’t know my name
And I’m gonna cry in a space that don’t hold my fame.

E chi se ne frega!

marzo 10, 2008

questa è per te che adori la buona musica e passi di qui sempre, o ci capiti per caso…

Try

marzo 7, 2008

ci sono momenti in cui guardiamo le persone che ci stanno intorno, e i loro occhi ci chiedono di fare più: osare di più, lavorare di più, comprenderle di più, ascoltarle di più; e l’unica cosa che possiamo fare è provarci, tentare, osare…riuscire; per il bene che gli vogliamo, per tutto ciò che rappresentano, meritano almeno un tentativo. All we can do is try…

What if I say that I’ll never surrender?

marzo 2, 2008

Non è necessario alcun tipo di commento il testo e la canzone parlano da soli…

Foo Fighters – The Pretender

Keep you in the dark
You know they all pretend
Keep you in the dark
And so it all began

Send in your skeletons
Sing as their bones go marching in… again
The need you buried deep
The secrets that you keep are at the ready
Are you ready?
I’m finished making sense
Done pleading ignorance
That whole defense

Spinning infinity, boy
The wheel is spinning me
It’s never-ending, never-ending
Same old story

What if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say that I’ll never surrender?

What if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say that I’ll never surrender?

In time or so i’m told
I’m just another soul for sale… oh, well
The page is out of print
We are not permanent
We’re temporary, temporary
Same old story

What if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say that I’ll never surrender?

What if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say that I’ll never surrender?

I’m the voice inside your head
You refuse to hear
I’m the face that you have to face
Mirrored in your stare
I’m what’s left, I’m what’s right
I’m the enemy
I’m the hand that will take you down
Bring you to your knees

So who are you?
Yeah, who are you?
Yeah, who are you?
Yeah, who are you?

Keep you in the dark
You know they all pretend

What if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say that I’ll never surrender?

What if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say that I’ll never surrender?

What if I say I’m not like the others?
(Keep you in the dark)
What if I say I’m not just another one of your plays?
(You know they all… pretend)
You’re the pretender
What if I say that I’ll never surrender?

What if I say I’m not like the others?
(Keep you in the dark)
What if I say I’m not just another one of your plays?
(You know they all… pretend)
You’re the pretender
What if I say that I’ll never surrender?

So who are you?
Yeah, who are you?
Yeah, who are you?

Illusione Mediatica

febbraio 29, 2008

ecco a voi uno dei più grandi casi di Illusione Mediatica, ovvero di ignoranza e superficialità della massa. La canzone You Weren’t There di Lene Marlin, famoso lentone nelle top chart di alcuni anni fa è sempre da tutti stato considerato una canzone d’amore, in cui si sarebbero dovuti narrare problemi di coppia, tristi addi e felici ricongiungimenti. Già sarebbe…perchè così non è, la canzone parla si dei problemi di una coppia ma di Padre e Figlia. Eppure la gente è sempre stata convinta che fosse una canzone d’Amore, stravolgendone il senso. Questo accade perchè in fondo solo pochi ascoltano quello che in realtà si sente e molti ascoltano solo quello che vogliono sentire. Comunque qui trovate il testo completo e la canzone. State attenti! Diffidate delle illusioni che la vostra mente getta sul mondo e guardate tutto da un’altra prospettiva….sempre

Artist: Lene Marlin
Album: Another day
Title: You Weren’t there

She came home just won the game
Long time struggle she fulfilled her dream
All she wanted was to make you proud
You weren’t there

Had his birthday a few days ago
He got some presents, a big party too
And there were congratulation cards
As it used to be for
Not ever one from you

You weren’t there
Distant far away
It’s like this every day
I see it in their heads
Wonder if you’ll come
Afraid to close their eyes
And miss you once again
She cut herself on that piece of paper
It didn’t hurt but she saw the blood
She could need that embrace
You weren’t there

Did he have to cry louder?
Would that make you hear him?
You see his heart was broken
For the first time

You weren’t there
Distant far away
It’s like this every day
I see it in their heads
Wonder if you’ll come
Afraid to close their eyes
And miss you once again

You cannot turn back time
I wish that to come true
They’re making up these stories about you

You weren’t there
Distant far away
It’s like this every day
I see it in their heads
Wonder if you’ll come
Afraid to close their eyes
And miss you once again
Miss you once again…

Somewhere Between the Sacred Silence and Sleep

febbraio 26, 2008

C’è un posto, un luogo; forse reale, forse immaginario, tra l’eterno silenzio e il sogno, in cui si avvera ogni nostra fantasia, in cui tutto può divenire realtà, in cui rifugiarsi quando il mondo ci ripudia. C’è un posto in cui ognuno di noi è a casa, un posto tra il “sacro silenzio e il sogno”….